Quella delle corse automobilistiche di granfondo su strada, rappresenta una considerevole tradizione italiana che, con l’organizzazione dell’AutoGiro Automobilistico d’Italia torna ad essere dal 2019 un appuntamento fisso nel panorama degli Historical Challenges.Una Prova di Regolarità dove i concorrenti dovranno rispettare una tabella di marcia o semplicemente un Raid Turistico questo è lo spirito con il quale gli equipaggi saranno chiamati ad affrontare un suggestivo percorso a tappe che li porterà ad attraversare luoghi e scenari affascinanti.

L’Autogiro d’Italia 2022

L’Italia come non l’hai mai vista

Una corsa storica con un tragitto epico e tutto da scoprire. A partire da Giovanni Agnelli, Emanuele Bricherasio, Vincenzo Lancia sino ad arrivare a Campioni del calibro di Mario Umberto Borzacchini, Tazio Nuvolari, Campari, Varzi, Taruffi, Fangio, ed avvicinandosi ai giorni nostri, Markku Allen o Riccardo Patrese, in tanti hanno voluto provare l’emozione che soltanto sfide cosi potevano assicurare. E sono proprio quelle emozioni, quelle sensazioni uniche, in una sola parola, quel sogno, che l’AutoGiro d’Italia – Historic Challenge vuole far rivivere a chi raccoglierà questa sfida. Una manifestazione per auto storiche che si snoda su un suggestivo percorso a tappe e che porta gli equipaggi ad attraversare luoghi e scenari affascinanti.

Percorso 2022: Viaggio a Sud.
Dal 22 al 28 Maggio.

Ostia-Aterni, Pescaria ed oggi Pescara, la città di Gabriele Manthonè e Gabriele D’Annunzio, la città neolitica che vanta testimonianze e reperti risalenti ad oltre 6000 anni fa, Vieste ed il Gargano con la sua splendida costa ricca di spiagge e meravigliose grotte marine, il Pizzomunno, il Castello svevo,  i trabucchi  e le torri costiere, Polignano a mare con il suo borgo medioevale arroccato sull’alta e frastagliata scogliera che vede case e logge a strapiombo sul mare e dove, sull’elegante passeggiata, trova spazio la statua a Mister volare ed ancora Marina di Ugento e lo splendido Mar Ionio con le sue acque cristalline tra le più belle del Salento.

L’Autogiro D’Italia 2022

L'equipaggio Zappelli - Scandurra vince la quarta edizione su Ferrari 355 GTS del 1995. Reggianini - Scano vincitori del concorso di eleganza su Ferrari GT 330 2+2 del 1966

E’ stata la splendida Piazza della Rinascita a Pescara, per tutti piazza Salotto, baricentro della vita cittadina e luogo di naturale aggregazione, ad accogliere dopo 1610 chilometri gli equipaggi partecipanti alla quarta edizione dell’Autogiro d’Italia.
Una edizione che ha portato le autovetture a percorrere le splendide strade del meridione dopo che, lo scorso lunedì mattina, avevano preso le mosse sempre dal capoluogo abruzzese.

La Mercedes-Benz EQC, una vettura totalmente elettrica a zero emissioni, seconda classificata nella categoria Supercar dell’Autogiro d’Italia 2021.

Se da un lato l’Autogiro d’Italia rappresenta la tradizione sportiva e la memoria automobilistica del nostro Paese, dall’altro la mobilità green quella a zero emissioni, pulita e sostenibile, rappresenta senza dubbio il futuro.
Mercedes-Benz che ha scritto sia la storia dell’automobilismo sportivo che quella capace di raccontare la maniera di muoversi di milioni di persone e che rappresenta la massima espressione della tecnologia applicata all’automotive, ha raccolto la sfida della Sustainable Green Mobility.
La sua EQC completamente elettrica, zero emissioni e capace di oltre 400 chilometri di autonomia è già disponibile per l’utenza ma la vera novità a livello mondiale, è che era presente fra gli equipaggi iscritti alla categoria Supercar ad un raid a tappe di oltre 1700 chilometri

Press Room

Partners

Menu